Blog

PINK FLOYD 2018. Rome

PINK FLOYD 2018. Rome

Their Mortal Remains

18 GENNAIO 2018 - 01 LUGLIO 2018

QUANDO LE ARTI SI UNISCONO CREANDO ENERGIA

I Pink Floyd la rock band  tra le più acclamate di sempre è a Roma con la mostra “Their Mortal Remains”, una sorta di  energizzante. Introdotta come pillola “ricostituente” nella città capitolina, può scuotere gli animi di chiunque indistintamente, lasciando energia allo stato puro. Si è proprio questo, quello che la storica band inglese riesce a trasmettere dagli anni ’60 ad oggi! Ed eccoli qui in Italia dopo l’esibizione preceduta al Victoria and Albert Museum di Londra nel 2017. Uno spazio atemporale ci proietta giusto un filo di luce per gustare al meglio il suono, il sound dei suoi componenti; David Gilmour, Roger Waters, Syd Barrett, Richard Wright, Nick Mason, Bob Klose, artisti nella loro spazialità. Percorriamo uno spazio totale, fatto di arti congiunte e sinergia, senza distinzioni di generi, età, sesso, razze, dislivelli sociali, dove il buio predomina rendendo sospesi oggetti e storia, facendoci ascoltare le cose, attraverso vibrazioni e suoni, percussioni e voci che ci accompagnano come la luce a catturare l’essenza di quello che non può essere toccata e guardata, la musica, quella vera, intramontabile dei Pink Floyd. Consiglio? .. da vedere .. è da ascoltare! Written by Haidy World
PITTI UOMO 93° Firenze

PITTI UOMO 93° Firenze

09 Gennaio 2018 - 11 Gennaio 2018

♯ Pitti Uomo con il Grande Cinema!

Fortezza da Basso come un Movie Theathers District con il Maxi Billboard che proietta film al padiglione della Ghiaia, ci racconta in questa 93° edizione, la moda maschile attraverso il Cinema. L’uomo e il suo cambiamento culturale, le sue scelte sempre più radicali li ritroviamo in generi cinematografici con i quali potere confrontarci, cogliendo stili di vita e identità multiforme, non più classificabili in semplici stereotipi. L’uomo contemporaneo è eclettico e allo stesso tempo tecnologico, ha imparato ha interpretare ad ogni stagione una parte differente, cogliendo dal guardaroba femminile una nuova virilità, la versatilità, la voglia di essere sempre diversi.. Written by Haidy World
T-SHIRT: CULT  09.02.2018

T-SHIRT: CULT 09.02.2018

Fashion and Textile Museum, London

9 febbraio 2018 - 6 maggio 2018
T-SHIRT: CULT | CULTURE | SUBVERSION

La forma a “T” riconducibile al kimono, indumento iconografico della storia nipponica, di genere orientale in sé legato al concetto di versatilità e unisex, diviene con il XX secolo la sigla  occidentale di un capo rivoluzionario: la T-Shirt. Semplice e forte nella sua universalità, rappresenta comfort e praticità, rompendo ogni barriera tra le differenze sessuali, etniche e sociali. Aprendo un dialogo, un incontro, rappresenta insieme al jeans, il nuovo pensiero democratico che ripone alla base del suo principio: la libertà di espressione. Fin da subito sono le subculture giovanili ad indossare i nuovi panni, utilizzando un indumento intimo come capo esterno ed estremo, per l’abbandono delle etichette e la scelta di   vestire più liberi. Con il film "Il Selvaggio" del 1954 si ha la svolta decisiva, la   T-Shirt diviene un  masterpiece, il mezzo d'espressione per slogan e la condivisione di interessi. L’esposizione visibile al Fashion and Textile Museum di Londra, analizza storia, materiali e nuove tecnologie per la manifattura, indagando tra le diverse modalità d’impiego e si conclude con la vasta collezione privata di Vivienne Westwood.Written by Haidy World

MOMA à Paris fino al 05.03.2018

MOMA à Paris fino al 05.03.2018

"ETRE MODERNE"

11 Ottobre 2017 - 5 Marzo 2018 Le Moma à Paris
Fondation Louis Vuitton - Paris
Un dialogo disciplinare, un'appuntamento esclusivo si presenta alla Fondation Louis Vuitton a Parigi. La mostra Being in Paris crea un ponte tra lo storico museo di New York in fase di ristrutturazione e la celebre griffe di moda, mettendo in mostra capolavori dell’arte e ponendo la domanda:”che cosa vuole dire essere moderno”? Il percorso avviato con l’opera di Paul Cézanne Le Bagnanti datata 1885 ha la durata di 130 anni, ripercorrendo i cambiamenti talvolta radicali e più discussi dell’arte, e non solo. In scena l’astrattismo, l’action painting, il minimalismo, ma anche il primo film di topolino del 1928, fino all’arte contemporanea. Nomi che hanno segnato importanti correnti e filoni di pensiero, dalla destrutturazione dello spazio con Pablo Picasso, alla decontestualizzazione di Marcel Duchamp, dalle atmosfere soavi e atemporale di René Magritte, all’arte d’azione, irruente di De Kooning, le opere esposte ci accompagneranno alla risoluzione del quesito: "essere moderni, cosa vuole dire"? Written by Haidy World
HADID, ZAHA fino al 14.01.2018

HADID, ZAHA fino al 14.01.2018

UNA PREZIOSA EREDITA’

MAXXI Roma
L’ITALIA DI ZAHA HADID
Irachena, Zaha Hadid possiamo immortalarla come icona rappresentativa del nuovo millennio.   Il connubio tra oriente e occidente, nell’Archistar si fondono, avviando una nuova epoca, creata da un’identità femminile rivoluzionaria e forte, ingegnosa e sfrontata, geniale e visionaria, non solo nel campo dell’architettura, ma come ideale sociale per tutte le donne e contro ogni pregiudizio. Abitat fluidi e scorrevoli, senza confini, forme cablate in una nuova realtà, quella virtuale. Il concetto di spazio e materia, per Zaha Hadid  pongono le fondamenta per nuove connettività architettoniche, inaspettate dimensioni, dove l’innovatività a partire dal progetto stesso, diviene parte integrante del suo “modus operandi”. Spazi cibernetici come volumi che sfrecciano dai confini abituali, vengono plasmati dalla sua mente, prendendo forma, già a fine degli anni ’70. Hadid Zaha è la pioniera di un nuovo processo mentale, nato dall’aggregazione tra; tecnologia, informatica e telecomunicazione, ponendo l’origine, del suo “cyborg space”. L’archistar o meglio l’Architetto, come desiderava essere definita, non vedeva confini, ciò che la circondava le apparteneva, compresa  la moda  da lei indossata e creata, era materia dai volumi spaziali, rappresentando a pieno la totalità del suo pensiero.     Written by Haidy World